Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Maggiori Informazioni"

speakitalianinrome

Apprendere la lingua italiana a Roma

E' nota più semplicemente come Nada. Toscana, nata agli iinizi degli anni 50, è una cantante, che esordisce al Festival della Canzone italiana di Sanremo, a soli 15 anni.   La sua prima canzone fu un grandissimo successo per i ragazzi di allora. Una lunga carriera che dura nel tempo.

Mettetevi alla prova con una attività di riordino della sua biografia


n. 1.  Nata a Livorno nel 1953, Nada debutta al Festival di Sanremo 1969 con Ma che freddo fa, il suo primo successo.
n.____ Nada torna sulle scene nel 1996, ricominciando a suonare in giro in compagnia del Nada Trio, un progetto che dà esito poi a un disco live, registrato con Fausto Mesolella e Ferruccio Spinetti della Piccola Orchestra Avion Travel.
n.____  Il ritorno al pop porta nuovi successi di classifica come Pasticcio universale (1979) e Ti stringerò (1982).                                                                                                     n.____L’anno seguente è la volta di Pa’ diglielo a ma’, ancora a Sanremo, e di Che male fa la gelosia, presentata a Canzonissima ’70. Seguono Il cuore è uno zingaro, con cui Nada vince Sanremo 1971.
n.____Nel 2008 escono il live Stazione birra e il primo romanzo autobiografico Il mio cuore umano che nel 2009 diventa uno spettacolo teatrale incentrato sul suo percorso artistico e personale.
n.____Segue un lungo periodo di silenzio, interrotto da L’anime nere, pubblicato nel 1992.
n.____ Il 12 aprile 2011 esce Vamp, cui seguono un tour in compagnia degli Zen Circus e uno con i Criminal Jokers.
n.____ Nel 1976 arriva Nada, un nuovo lavoro che contiene altri brani di Ciampi accanto a quattro canzoni di Paolo Conte, tra cui La fisarmonica di Stradella.
n.____ Dopo L’amore che mi manca (2004), Nada ritorna nel 2006 con Le mie canzoncine.
n.____ Nel 1983 l’album Smalto conquista la vetta delle classifiche trainato dal singolo Amore disperato, che vince Festivalbar, Azzurro e Vota la Voce.
n.____Nel 2012 esce il suo secondo romanzo La grande casa, nel 2014 arriva l’album Occupo poco spazio basato sugli arrangiamenti di Enrico Gabrielli per una piccola orchestra di 12 elementi.
n.____ Seguono un periodo di concerti e il ritorno discografico, con la produzione di Pasquale Minieri e Fausto Mesolella, con l’album L’amore è fortissimo il corpo no, uscito nell’autunno 2001.
n.____ Dopo l’esperienza con i cantautori “romani” Nada lavora ad un intero album con Piero Ciampi, che scrive espressamente per lei tutte le canzoni di Ho scoperto che esisto anch'io (1973). L’anno successivo esce 1930: Il domatore delle scimmie, realizzato in collaborazione con il gruppo progressive Reale Accademia di Musica.
n.____ Nel 2007 partecipa al Festival di Sanremo con Luna in piena.
n.____La svolta elettronica è del 1985 con l’album Noi non cresceremo mai, seguito l’anno dopo da Baci rossi.
n.____ Le apparizioni al Premio Tenco e al Festival di Recanati sono il preludio a un nuovo lavoro discografico, che vede Nada scrivere per la prima volta tutti i testi e le musiche: Dove sei sei che contiene 11 canzoni, tra cui Guardami negli occhi, che Nada presenta a Sanremo ’99.
Carmela Marocchini

Sei vuoi un confronto, invialo come file a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.