Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Maggiori Informazioni"

SpeakItalianInRome

Apprendere la lingua italiana a Roma

Nell' 812 Carlo Magno con un editto obbligò a coltivare ogni tipo di erba "salutare", contenute in un elenco, in numero di settantaquattro. E oggi, chi non ha la fortuna di possedere un vero e proprio giardino, può certamente coltivare in casa, sul balcone o sul davanzale, le erbe aromatiche da utilizzare in cucina. Di regola queste erbe non hanno problemi di crescita in piccoli spazi e alcune di loro, come ad esempio la menta, si trovano a loro agio se le radici sono un poco "strette" nel vaso; inoltre non richiedono alcun nutrimento particolare. E il nome ? Lo prendono proprio dal gradevole profumo che emanano. Ancor prima di Carlo, gli Etruschi furono i primi veri importatori di tali "condimenti". I Greci li seguirono a ruota e l'uso di erbe e spezie orientali si diffuse con grande successo. Un tempo rappresentavano anche un buon sostituto del sale, costoso e difficile da reperire. Oggi riuscireste ad immaginare la pizza napoletana o il pesto alla genovese senza il basilico? E i saltimbocca alla romana senza la salvia? Perchè la menta, così come la salvia, il rosmarino, il timo, la maggiorana, costituiscono un elemento importante nea preparazione dei cibi: esaltano il gusto e diventano fondamentali per alcuni piatti, aggiungendo quel sapore in più. Ma le conosciamo proprio tutte? E ne conosciamo tutti i benefici? Beh, nei boschi lucani vi è un'erba particolare, conosciuta col nome di Letone che, oltre ad essere curativa, pare abbia mille virtù e che aiuti ad invecchiare tanto e bene. Non è un caso che nel territorio delle Dolomiti Lucane ci sia un alto numero di centenari. Tanto che gli abitanti della zona sono soliti affermare che l'elisir di lunga vita si trova proprio qui !!
Carmela Marocchini, estratto da I profumi delle erbe di Isa Grassano, VdG, giugno 2012

SALTIMBOCCA ALLA ROMANA

8 fette di carne di vitello 8 fette, 8 foglie di Salvia, 8 fette di prosciutto crudo, mezzo bicchiere di Vino bianco secco, olio o burro, Sale, pepe (tutti quanto basta). Facilicissimi da preparare e da mangiare perchè saltano in bocca in un batter d'occhio !

Appiattite quanto più possibile le fette di vitello e mettete al centro di ognuna mezza fetta di prosciutto e una foglia di salvia, fermandoli con uno stecchino, poi rosolate da entrambi i lati a fiamma viva i saltimbocca, nel burro o nell'olio.
Salate e sfumate col vino, continuando la cottura per altri 5 minuti.

 

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5